NATURAL DUB CLUSTER:

2010: i tre fratelli Moscoloni decidono, dopo anni di militanza musicale insieme, di convogliare le energie nella creazione di un progetto live electro dub. Nascono i The Natural Dub Cluster, con l’intento di forzare i vincoli del genere e di approfondire il percorso artistico attraverso sperimentazioni e collaborazioni. Quasi da subito, infatti entra in gioco iKe, il “non fratello”, addetto alla componente visuale del live e parte dei campioni vocali. I quattro suggellano le ambiziose intenzioni con un passo inconsueto ma significativo: condividere lo stesso tetto prima che lo stesso palco.
La potenza sonora e visiva, il ritmo teso e incessante e la psichedelia liberatoria diventano i principali marchi di fabbrica della band.. Un approccio teatralizzato in cui la linea vocale, si lega a pulsazioni battenti e psichedeliche, in grado di ridimensionare le sonorità atte a varcare i confini spigolosi. Proprio i valori angolari mostrano disturbi emotivi vicini ad andamenti sintetici, tra echi e riverberi ben strutturati, proprio come dimostra la straordinarietà strutturale di 
Echoes in the ground. Proprio grazie a tracce come questa, l’ascoltatore riesce a viaggiare ad occhi spenti in quella profondità emotiva, ben metaforizzata dal titolo. Vi presentiamo i NATURAL DUB CLUSTER.